Divano Chesterfield panna: intrigante alternativa al bianco

Il divano Chesterfield panna può essere considerato un’ottima alternativa al classico Chesterfield bianco, ed è un mobile sempre molto scelto ed apprezzato.

Dal punto di vista cromatico la differenza tra il bianco “puro” e il color panna è davvero minima, appena percettibile, ma non per questo poco significativa: rispetto al bianco la tonalità panna è lievemente più scura ed è dunque in grado di ricreare un contrasto con le pareti bianche, per quanto estremamente tenue.

Il divano Chesterfield panna è senza dubbio un mobile molto signorile e raffinato, una variante di questo celebre divano inglese che può essere collocata con successo nei contesti più disparati: assolutamente perfetto negli ambienti classici, questo mobile viene osato sempre più spesso anche in Interior Design moderni.

Salotto con divani Chesterfield panna
Salotto con divani Chesterfield panna

Come si accennava in precedenza è una scelta sempre molto valida quella di collocare un divano Chesterfield panna in una stanza dalle pareti bianche, allo stesso tempo questo mobile è ottimo anche nel caso in cui si preferisca realizzare un contrasto più acceso, quindi in una stanza dalle pareti scure.

Il divano Chesterfield panna può ovviamente essere scelto in tante diverse varianti: si può optare ad esempio per un divano 2 posti, per modelli a 3, 4 o più posti, senza dimenticare varianti particolari come possono essere le Dormeuse, i divani angolari, quelli con penisola e via discorrendo.

I divani Chesterfield color panna sono piuttosto diffusi, dunque individuarne in commercio non è complicato; laddove si abbiano esigenze particolari dal punto di vista delle forme, delle dimensioni e dell’estetica, ad ogni modo, si può richiedere una realizzazione personalizzata a un’azienda artigiana.

Il salotto Chesterfield panna che si può ammirare in foto è stato realizzato dall’azienda VAMA Divani per dei clienti di Roma.

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

2 pensieri su “Divano Chesterfield panna: intrigante alternativa al bianco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *