Poggiapiedi Chesterfield: quale scegliere?

Scegliere un bel poggiapiedi Chesterfield da abbinare al proprio divano classico è sicuramente un’ottima idea per rendere il design del proprio soggiorno ancor più elegante e ricercato, e per potersi rilassare all’insegna della massima comodità.

Il poggiapiedi è un complemento d’arredo che è spesso suggerito dagli esperti di design sia per quanto riguarda i divani moderni che quelli classici, ed anche chi possiede il divano Chesterfield può acquistare un comodo e raffinato poggiapiedi.

Ma quali sono le tipologie di poggiapiedi che, di norma, sono abbinare al divano Chesterfield?

I modelli a disposizione in commercio sono davvero tanti, tuttavia si possono distinguere fondamentalmente due diverse categorie, ovvero i pouf e i poggiapiedi con gambe in legno.

I pouf sono probabilmente la variante del poggiapiedi più diffusa: si tratta di una sorta di “cubo” interamente rivestito in pelle, ovviamente del medesimo colore del divano a cui viene abbinato ed abbellito allo stesso modo dalla lavorazione artigianale di superficie, ovvero la capitonneè.

Nel pouf le tre dimensioni, dunque altezza, lunghezza e larghezza, devono grossomodo equivalersi, e questo modello è rigorosamente privo di gambe.

Il poggiapiedi con gambe in legno, invece, è un complemento d’arredo sicuramente meno diffuso, ma allo stesso tempo molto prestigioso ed in grado di garantire un colpo d’occhio eccezionale soprattutto nei soggiorni classici.

I poggiapiedi di questo tipo presentano anzitutto delle gambe in legno piuttosto alte e ben rifinite, le quali conferiscono al modello uno stile ancor più classico, inoltre la superficie su cui è possibile posare i piedi mentre si è seduti al divano può essere anche molto vasta.

Mentre il pouf ricorda, per forma, un cubo, la parte superiore del poggiapiedi con gambe in legno è quasi sempre un classico rettangolo, piuttosto sviluppato in lunghezza.

Insomma,se si sta cercando dei bei poggiapiedi Chesterfield, queste due idee sono sicuramente le più interessanti da valutare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *